martedì 5 febbraio 2013

Pane casareccio bianco con licoli


Il pane. Ho sempre avuto rispetto totale per questo prezioso alimento. Oltre al rispetto sento di non esagerare dicendo che è il mio cibo preferito. Quando eravamo piccole con delle amiche ci si domandava oziosamente: se vivessi su un'isola deserta e avessi a disposizione un solo cibo, quale sceglieresti? La mia risposta era, ed è ancora, sempre la stessa: il pane. Mi sembra la cosa più evidente: ma c'era chi diceva la pasta, il salame, la cioccolata. Ma il più completo e quello che non stuferebbe mai è sempre lui: il pane. Detto questo: adoro fare il pane in casa. Ho la macchina del pane da qualche anno: mi agevola nel preparare il pane, ma più che altro lo uso per impastare. Ogni tanto provo a fare qualcosa, come chi mi segue sa dal mio blog. Solo che... Era da tanto che sentivo parlare, sia sui blog, che su facebook, di lievito madre, di licoli... Non ne sapevo molto: ma sapevo che il lievito naturale diventa praticamente una specie di creatura da coltivare e amare e che entra a fare parte dela tua famiglia e del tuo mondo. Alcuni hanno quetso prezioso lievito da anni e anni. Chi più di ogni altro mi ha fatto innamorare della pasta madre è Cranberry, la mia simpaticissima amica di Cappuccino & Cornetto. Nel suo blog spiega come creare il lievito madre, quali farine usare, come trasformarlo in lievito liquido, come mantenerlo, cosa creare. Il nome del suo lievito è Ciccino Lievitino: beh, io ero così innamorata di Ciccino Lievitino che ho chiesto a Cranberry se me ne poteva dare un po'. Con mia somma gioia prima di Natale ho avuto quello che io chiamo Ciccino's Son o semplicemente Son... Ho fatto il panettone e tante altre cose: ma finora non avevo dato il giusto spazio a questo prezioso lievito che ora curo e amo come una piantina o un qualcosa di estremamente prezioso. La ricetta di oggi l'ho presa da Cranberry: si tratta del pane bianco di Sara Papa. Io ho usat la macchina del pane per impastare: per il resto ho seguito Cran.




Ingredienti

  • 600 g di farina 0
  • 120 g di licoli (rinfrescato almeno un paio di volte)
  • 350 g di acqua tiepida
  • 1 cucchiaino di sale
  • olio evo 
  • Cran mette anche il malto che io non ho

 Preparazione

Inserire nella macchina del pane il licoli sciolto nell'acqua tiepida, l'olio, la farina, il sale nel programma impasto. Con la mia machcina del pane dura un'ora e cinquanta.
Prendere l'impasto e lavorarlo formando un filone cosparso di farina di semola rimacinata. Incidere il filone sulla superficie e farlo lievitare per trenta minuti.
Aiutarsi con una forma per il pane, prima di infornare, per aiutarlo a crescere senza diventare tipo ciabatta (a me succedeva spesso così prima di avere il mio fantastico attrezzo). Disporlo su una teglia ricoperta di carta da forno e farina di semola di grano duro.
Fate cuocere il pane in forno preriscaldato a 220° per 15 minuti, ridurre poi la temperatura a 180° per altri 35/40 minuti o a seconda del vostro forno. La mitica Cran consiglia di far raffreddare il pane nel forno spento piegato di lato.


10 commenti:

  1. bello!!!!
    bellissimo pane! Stai diventando davvero brava con ciccino!
    eehe

    RispondiElimina
  2. Anche tu hai il bimbo, il mio ha 9 anni....brava! Bel pane e bella mollica

    RispondiElimina
  3. Bellissimo!! voglio provare con la tua ricetta, quanto olio devo mettere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chicca: l'olio quanto basta... Serve per oliare la teglia mentre l'impasto riposa. In effetti ho dimenticato di scriverlo. Grazie per averlo notato :)

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...